Line6 POD HD unofficial Tone GUIDE by MeAmBobbo

Hai comprato o sei già in possesso del tuo nuovo POD HD (500x, 500, PRO, 400, 300) ?

hai difficoltà nel programmarla o nel tirare giù dei bei suoni? ti consiglio allora di dare un’occhiata a questa splendida guida realizzata da MeAmBobbo

La guida, oltre ad essere in inglese, non è stata creata per essere letta dall’inizio alla fine e non è di facile lettura. Ai nuovi lettori si suggerisce di partire dalla sezione introduttiva prima di procedere oltre. Chi invece cerca velocemente indicazioni per risolvere problemi il sito consiglia di leggere la quick guide o la pagina troubleshooting . In ogni caso ogni sezione è relativamente indipendente dalle altre e sono tra loro collegate per riferimenti incrociati. Per ulteriori FAQ ci sono sempre le pagine ufficilai dal sito LINE6, oppure potete cercare qui.

Di seguito potete scaricare una copia di backup dell’intera guida revisionata da Joel Fairman, e contententi anche una serie di patch già pronte per POD HD: TOTAL_MEAMBOBBO.zip oppure TOTAL_MEAMBOBBO.7z

Buon divertimento 🙂

Cloni e clonazione…..

Giusto o sbagliato che sia, uno dei movimenti più importanti che negli ultimi anni ha colpito il mondo della chitarra è la clonazione.

ormai oltre oceano si producono pedali di alta qualità basati (se non letteralmente copiati) su prodotti famosi e blasonati (e dal costo sicuramente molto più elevato). Il fenomeno non ha colpito solo la strumentazione (come i pedalini), ma anche il mercato degli strumenti musicali veri e propri.

La polemica in merito alla moralità di tali operazioni commerciali riguardo le infrazioni delle proprietà intelettuali non è lo scopo di questo articolo, bensì elencare alcune informazioni  in merito ai prodotti dei tre più famosi clonatori di pedali per chitarra:  Mooer, Eno e Rowin.

Consideriamolo come una sorta di menù Cinese per ricercare il clone migliore per i propri gusti.

Features in comune:

medesime dimensioni fisiche dei (micro) box , 1  potenziometro “master” e 2 “mini”, e forse uno switch per ulteriori operazioni di modifica del timbro sonoro.  tutti i pedali in questioni sono alimentabili esclusivamente con alimentatore da 9v DC – non a batterie. Le tre marche offrono micro accordatori.  Sembrano tutti identici, come se prodotti dalla stessa fabbrica – sebbene non sembra sia così in quanto prodotti separatamente.

 

MOOER

Mooer sembra essere la ditta attiva da più tempo e produce una notevole quantità di pedali tale da soddisfare i desideri di quasi tutti . Clonando non solo pedali d distorsione/overdrive, ma anche efdetti di modulazione, dinamica e delay.

mooer-0617564_696

Mooer Acoustikar – Boss AC-2
Mooer Ana Echo – Boss DM-2
Mooer Blue Comp – Boss CS-2
Mooer Black Secret – RAT
Mooer Bass Sweeper – EHX Bassballs
Mooer Blade – EHX Metal Muff
Mooer Blue Faze – Silicon Fuzz Face
Mooer Blues Crab – Marshall Bluesbreaker
Mooer Blues Mood – Boss BD-2 w/Keeley Fat mod
Mooer Cruncher – MI Audio Crunchbox
Mooer Echolizer – Maxon AD999
Mooer Eleclady – EHX Electric Mistress
Mooer Ensemble King – Boss CE-2
Mooer Flex Boost – Xotic AC Boost
Mooer Fog – ZVEX Wooly mammoth
Mooer Green Mile – Ibanez TS9 Tube Screamer
Mooer Grey Faze – Germanium Fuzz Face
Mooer Hustle Drive – Fulltone OCD
Mooer Ninety Orange – MXR Phase 90
Mooer Pure Boost – Xotic RC Boost
Mooer Pure Octave – EHX Micro/POG blend w/ Boss OC3 look
Mooer Rage – Boss Metal Zone
Mooer Reecho – Boss DD-2
Mooer Solo – Suhr Riot
Mooer ShimVerb – Inspired by Strymon BSR w/ Capistan’s finish
Mooer Trelicopter – Demeter Tremulator
Mooer Thunderball – EHX bass blogger
Mooer Triangle Buff – EHX Big Muff (Triangle Muff)
Mooer Twin Looper – Boss RC-20
Mooer Ultra Drive – Keeley Ultra Mod / bass mod Boss DS-1
Mooer Yellow Comp – Diamond compressor

 

ENO

Eno non produce un arsenale di effetti  pari a quello della MOOER, ma copre una buona quota dei prodotti più cercati sul mercato. I suoi pedali danno l’impressione di essere più solidi.

ENO-DM-3-Metal-font-b-Distortion-b-font-font-b-Guitar-b-font-Effect-font

ENO CF-1 Compressor/Fuzz

ENO OD-9 Overdrive – TS-808 Tube Screamer
ENO DS-1 Distortion – MI Audio Crunchbox
ENO DM-3 Metal Distortion – EHX Metal Muff
ENO DA-3 Distortion – Boss DS-1
ENO DR-1S Rat Distortion – ProCo Rat
ENO DSO-2 Distortion Overdrive – Fulltone OCD

 

ROWIN

Rowin produce anch’essa poche unità, comunque affidabili. Anche questi pedali sembrano dare un’impressione di maggiore solidità, seppure distinguendosi un minimo a livello “grafico”.

rowin_lef-604-messe2013_001

Rowin LEF-601 Distortion – Boss DS-1
Rowin LEF-601B Distortion – Suhr Riot
Rowin LEF-602B Overdrive Ibanez TS9 Tube Screamer
Rowin LEF-603 Delay – Boss DM-2
Rowin LEF-604 Chorus – Boss CE-2
Rowin LEF-605 Heavy Metal – EHX Metal Muff
Rowin LEF-60x Flanger (prototype only)
Rowin LEF-60x Fuzz (prototype only)

 

(libera traduzione dall’originale https://geargoggles.com/2013/07/23/clones/ )

Lezione 15 – Arpeggio Pentatonico Maggiore a 5 e 6 corde

Un interessante esercizio per imparare gli arpeggi sulla scala pentatonica maggiore.
In questo esercizio la tonalità è di RE.
Fondamentale esercitarsi sia con la plettrata alternata che in sweep-picking suonando in legato le note sulla stessa corda.

Arpeggio Re Pentatonico Maggiore a 5 e 6 corde

Lo sweep-picking è una tecnica per l’utilizzo del plettro. In pratica i passaggi tra una corda e l’altra devo avvenire sempre nello stesso senso. se suoniamo due note tra la terza e la quarta corda allora la plettrata dovrà essere verso l’alto, se invece suoniamo tra la seconda e la prima corda allora la plettrata sarà verso il basso.

Lezione 14 – tecnica del Plettro – Progressione arpeggi su scala maggiore

Interessante esercizio per suonare, ad arpeggi, la scala maggiore usando la progressione: arpeggio Maggiore, minore, minore, maggiore, maggiore, minore, semidiminuito.
Nel primo esercizio proviamo in tonalità di DO Maggiore

Progressione arpeggi su scala DO maggiore

Nel Secondo, invece, suoniamo in DO# Maggiore

Progressione arpeggi su scala DO# maggiore

Lezione 13 – Arpeggio minore a 5 corde

Di seguito la posizione per suonare, su cinque corde, un arpeggio minore.
In questo caso la tonalità è RE minore.
La tonica (ossia la nota principale – il RE) è sulla quinta corda, e va suonato con il mignolo della mano sinistra.
La progressione delle dita della mano sinistra da usare è la seguente: mignolo, medio, indice, medio, indice,mignolo e ritorno.Arpeggio Re Minore a cinque corde

Lezione 12 – Arpeggio Maggiore a 5 corde

Ecco la posizione per suonare, su cinque corde, un arpeggio maggiore.
In questo caso la tonalità è RE Maggiore.La tonica (ossia la nota principale – il RE) è sulla quinta corda, e va suonato con il mignolo della mano sinistra.
La progressione delle dita della mano sinistra da usare è la seguente: mignolo, anulare, indice, medio, indice,mignolo e ritorno.

Arpeggio Re Maggiore a 5 corde

Lezione 11 – Stretching – esercizio 6 Scala Cromatica

Seguono 3 esercizi sulla scala cromatica, utili sia per imparare la scala in varie posizioni, che per migliorare la tecnica del plettro e l’indipendenza tra le dita della mano sinistra.
Questo primo esercizio insegna la scala cromatica suonata in combinazione con le corde “a vuoto”.Scala cromatica

Con l’esercizio successivo impariamo la posizione standard della scala cromatica senza usare le corde “a vuoto”. Quindi ripetibile su tutti i tasti.Scala cromatica b

Il terzo esercizio unisce i due esercizi precedenti
Scala cromatica c

La scala cromatica è una scala particolare, composta da tutti e 12 i semitoni. Improvvisare usando la scala cromatica richiede molta esperienza, ma una volta imparato si potranno aggiungere bellissime sfumature ai propri assolo con i cromatismi.
Le note della scala cromatica, ad esempio, sono: Do, Do#, Re, Re#, Mi, Fa, Fa#, Sol, Sol#, La La#, Si, Do

Lezione 9 – Stretching – esercizio 4

Iniziamo con lo stretching vero e proprio.Utilizzare le dita indice, medio e anulare della mano sinistra. Attenzione ad eventuali dolori ai muscoli o ai tendini della mano sinistra. All’inizio si consiglia di non lasciare le dita attaccate alla tastiera, sollevandole sempre prima di premere il tasto successivo.In ogni caso se avverti dolore interrompi l’esercizio e metti la mano in posizione di rilassamento.Stretching Esercizio 4Successivamente, dopo un pò di training, si potrà provare l’esercizio lasciando le dita attacate sulla tastiera.